• Stefania The Interpreter

Traduzioni di certificati di stato civile

Updated: Sep 17, 2018

Legalizzazioni ed appostille, attestazioni di conformità: come funziona il processo e di cosa ho bisogno?


Quando i miei clienti mi contattano per la traduzione di documenti ufficiali necessari alla registrazione al Consolato, spesso mi chiedono di come funzioni il processo per la traduzione certificata. Ho deciso, quindi, di creare questa diagramma che spieghi passo per passo l’intero processo.



Prima di tutto, bisogna sapere se è necessario far legalizzare l’atto da parte delle autorità competenti PRIMA della richiesta di certificazione. In base alla mia esperienza e sulla base delle linee guida fornite dal Consolato Italiano, tutti i documenti rilasciati nel Regno Unito che devono essere processati dal Consolato italiano richiedono l’apposizione di una appostile per essere legalizzati e poi tradotti.


Per la legalizzazione dei certificati di stato civile vedi:


"Legalisation Department of the Foreign and Commonwealth Office" (The Legalisation Office - Foreign and Commonwealth Office - PO Box 6255 - Milton Keynes MK10 1XX - Tel. 037 0000 2244; Fax 01908 295 122 web address: https://www.gov.uk/get-document-legalised; email: legalisationEnquiries@fco.gov.u


Se non siete sicuri, chiedete all’autorità competente che riceve i documenti di quale tipo di documento avete bisogno.


Spesso l’ente richiede qualcosa del genere:


Translations: The translated document must contain a statement by the translator attesting that: the translation is correct, done by a competent translator.

In generale, le certificazioni di conformità delle traduzioni vengono rilasciate solo per le seguenti tipologie di documenti:


Atti di stato civile e certificati penali britannici apostillati per uso cittadinanza

Atti di stato civile e certificati penali italiani per uso presso gli uffici britannici

Dichiarazioni di valore di titoli di studio britannici, scozzesi e dell'Irlanda del Nord.


  • Preventivi urgenti? No problem!

Di solito rispondo entro 10 minuti e posso subito formulare un preventivo.

  • Documenti originali? No, basta una foto!

Non è necessario inviare i documenti originali. Basta una scansione o una foto leggibile. L’unico originale che vi serve è l’attestato di conformità della traduzione che posso spedire con posta prioritaria (o non spedire affatto, dipende dalle necessità).

  • Tempistica?

Entro le 24/48h per i documenti più’ brevi. La consegna del prodotto finito avviene previo pagamento online (paypal o bonifico).

  • Cosa è compreso nel pacchetto?

Il pacchetto comprende l’orginale, la traduzione e la certificazione di conformita’.

Avete ancora dubbi? Non esitate a contattarmi ed scrivetemi una mail per richiedere un preventivo a stefania.spagnulo1@gmail.com


Scopri di più:


Legalizzazione e l’apostille?


Nei Paesi che hanno sottoscritto la Convenzione de L’Aia del 5 ottobre 1961 relativa all’abolizione della legalizzazione di atti pubblici stranieri, la necessità di legalizzare gli atti e i documenti rilasciati da autorità straniere è sostituita da un’altra formalità: l’apposizione della “postilla” (o apostille).

Pertanto, una persona proveniente da un Paese che ha aderito a questa Convenzione non ha bisogno di recarsi presso la Rappresentanza consolare e chiedere la legalizzazione, ma può recarsi presso la competente autorità interna designata da ciascuno Stato - e indicata per ciascun Paese nell’atto di adesione alla Convenzione stessa (normalmente si tratta del Ministero degli Esteri) - per ottenere l’apposizione dell’apostille sul documento. Così perfezionato, il documento viene riconosciuto in Italia.

L’elenco aggiornato dei Paesi che hanno ratificato la Convenzione de L’Aja e delle autorità competenti all’apposizione dell’apostille per ciascuno degli Stati è disponibile sul sito web della Conferenza de L’Aja di diritto internazionale privato:

http://www.hcch.net/.